Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la migliore gestione del sito. I cookie tecnici e di analisi statistica sono già stati impostati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Proseguendo, acconsenti all’utilizzo di cookie.
  • Piazza Passerini 10, Soprazocco di Gavardo, 25085, BS
  • 0365376170
News
Farmacia di Soprazocco di Raffaella Greco

9, Mar 2022

CHIARIMENTI SU CHERNOBYL
Ecco qualche chiarimento su quanto sta accadendo nella centrale di Chernobyl grazie agli amici de L'Avvocato dell'Atomo :
1. È vero che la centrale di Chernobyl è stata scollegata dalla rete elettrica? Sì. Per la precisione, i reattori sono stati scollegati nel 1999, 22 anni fa; la connessione con la rete da allora alimenta solo i sistemi ausiliari.
2. È vero che i russi hanno scollegato completamente l'impianto dalla rete? Sì. La prima delle due linee che portano corrente alla centrale è stata staccata il 3 marzo, la seconda stanotte.
3. C'è pericolo di contaminazione radioattiva? No.
4. Nelle piscine di raffreddamento della centrale è presente combustibile esausto? Sì, quello del reattore 3, ma si trova lì da 22 anni, e pertanto non richiede un ricircolo attivo dell'acqua per essere raffreddato, tanto che le pompe sono spente dal 2013. Non comporta nessun pericolo, e lo ha confermato anche l'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (IAEA).
5. Cosa succede quindi ora che la centrale non ha più energia? Che chi ci lavora è al buio; l'esercito russo ha offerto agli operatori di andarsene e lasciare il sito sguarnito, ma l'unica linea ferroviaria disponibile attualmente transita dalla Bielorussia, e gli operatori non si sentono al sicuro.
6. Nessun altro pericolo? I sistemi di monitoraggio sono offline, ma in nessun caso i materiali radioattivi presenti a Chernobyl oggi sono in grado di provocare danni su larga scala. E la zona di esclusione è già disabitata.
7. Ho sentito che hanno dovuto ricorrere ai generatori diesel di emergenza, è vero? Sì, è quello che succede quando sei senza corrente.
8. Ma non si rischia un meltdown (la fusione del nocciolo radioattivo in un reattore nucleare) come a Fukushima? No, a Fukushima c'erano da raffreddare reattori appena spenti e piscine con combustibile esausto appena sostituito. Qui non c'è da raffreddare nulla, è tutto già abbondantemente freddo.
9. Perché il servizio di sicurezza ucraino ha paventato l'eventualità di una catastrofe? Perché puntano sulla paura nucleare per far intervenire militarmente l'Europa, e la cosa non aiuta la loro causa neanche un po'.
10. Perché il direttore generale della IAEA esprime preoccupazione, se non c'è nulla di cui aver paura? Perché nel settore nucleare anche una perdita delle comunicazioni con un impianto è un evento a cui prestare attenzione, e perché nel suo ruolo istituzionale è compreso il garantire la sicurezza agli operatori degli impianti nucleari (sicurezza che, come potete intuire, è tutto meno che garantita, nel momento in cui le luci sono spente, le comunicazioni sono chiuse e un esercito nemico occupa la zona).
Comunque continueremo a tenervi aggioranti nel caso ci fossero novità nella situazione.
Se la scienza e l'astronomia ti appassionano seguici anche su Nuovi Mondi - Astronomia e Scienza


Visualizza su Facebook

Telefono